L'ordine delle parole

Storia di vocabolari italiani
Assieme alla grammatica, il vocabolario rappresenta la norma linguistica per eccellenza e sembra contenere in sé le potenzialità della lingua nazionale, di cui finisce a volte per diventare l'icona. Questo libro prende le mosse dai lessici e glossari medievali, dalle raccolte lessicali cinquecentesche, per esaminare via via tutti i grandi dizionari italiani, fino ai giorni nostri. La storia che viene raccontata è ricca di tensioni, dominata dallo scontro tra modelli culturali alternativi. Ne emergono le discussioni normative, la gara tra regioni, talora la rivalità tra città (Siena e Firenze, Firenze e Milano), il nesso tra lessicografia, progresso scientifico e tecnologico, le istanze civili, l'affascinante rapporto che lega vocabolari e scrittori, come ad esempio Manzoni, D'Annunzio, Svevo, Pavese. Come in ogni buona storia, non mancano i colpi di scena: si pensi, tra i fallimenti, al rogo del "Vocabolario cateriniano" del Gigli e al "Vocabolario" dell'Accademia d'Italia voluto da Mussolini e arrestatosi alla lettera "C" per la caduta del fascismo. Oggi l'avvento dell'informatica ha mutato profondamente la forma e le tecniche di interrogazione dei dizionari, ridando fiato a un'antica ansia di totalità e rinnovando l'utopia di racchiudere il mondo in un libro, in un'opera "totale".

insegna Storia della lingua italiana nell'Università del Piemonte Orientale "A. Avogadro". Con il Mulino ha già pubblicato "Il secondo Cinquecento e il Seicento" (1993), "La lingua italiana. Profilo storico" (2002), la "Breve storia della lingua italiana" (2004) e la "Storia della lingua italiana attraverso i testi" (2006).

Pubblicazione online: 2009
Isbn edizione digitale: 978-88-15-14333-4
DOI: 10.978.8815/143334


Pubblicazione a stampa: 2009
Isbn edizione a stampa: 978-88-15-12857-7
Collana: Collezione di testi e di studi
Pagine: 496