La cura del cancro nel Novecento
Dalla chirurgia alle nuove terapie molecolari

Il cancro non è una malattia ma una costellazione di malattie, in rapporto alle diverse localizzazioni anatomiche, e le varie forme che assume differiscono l’una dall’altra in termini di risposta alle terapie e di prospettiva di guarigione. Perciò è difficile pensare che il cancro, nella sua complessità, possa essere sconfitto in tempi relativamente brevi. Il libro traccia una breve storia dell’evoluzione della terapia dei tumori dal Novecento fino ai giorni nostri. L’analisi comincia con i due pilastri della terapia convenzionale, la chirurgia e la chemioterapia, spesso impiegate in combinazione con la radioterapia e con l’ormonoterapia. Si prosegue con la descrizione delle terapie più recenti, incluse quelle biologiche e del nuovo impiego di farmaci già noti, gli antinfiammatori. Tra le differenti strategie di bioterapia, la vaccinoterapia mira a indirizzare l’attività del sistema immunitario del paziente contro le proprie cellule tumorali. Tale approccio terapeutico in continua evoluzione offre nuove speranze alla possibilità di debellare questo male oscuro.
Opera realizzata con il contributo dell’Università degli Studi di Bari.

è ordinario di Anatomia umana all’Università degli Studi di Bari. Per Carocci editore ha già pubblicato: Un medico d’avanguardia. Gianni Bonadonna e la chemioterapia dei tumori (2015), Agli albori dell’embriologia sperimentale (2016), L’immunologia nel Novecento (2017).

Editore: Carocci

Pubblicazione online: 2022
Isbn edizione digitale: 9788829013074
DOI: 10.978.8829/013074

Pubblicazione a stampa: 2017
Isbn edizione a stampa: 9788843090358
Collana: Biblioteca di testi e studi
Pagine: 112

  • Trova nel catalogo di Worldcat