Con gli occhi di Artemisia
Roberto Longhi e la cultura italiana

Leggi il libro Indice del Volume
Editore: Il Mulino

Pubblicazione online: 2021
Isbn edizione digitale: 9788815366511
DOI: 10.978.8815/366511

Pubblicazione a stampa: 2021
Isbn edizione a stampa: 9788815292162
Collana: Saggi
Pagine: 192

  • Trova nel catalogo di Worldcat
Noto ai più come raffinato storico dell’arte del secolo scorso, Roberto Longhi è stato anche un esempio magistrale di stile e di scrittura, capace con la sua penna di reinventare i capolavori d’arte in un inarrestabile gioco di rapporti tra forma, luce e colore. Piero della Francesca, i pittori ferraresi, i lombardi, Caravaggio siedono a pieno titolo nel pantheon della cultura italiana grazie all’opera di Longhi. Il libro indaga il continuo scambio tra scrittura e visualità che permea le pagine del celebre critico e la funzione che esse hanno avuto nel suggerire una nuova modalità di sguardo, poi disseminatasi lungo tutto il Novecento. È in questo contesto che si comprendono la fascinazione che la "Madonna del parto" di Piero esercitò su Rilke e Pasolini, la conversione di quest’ultimo alla pittura manierista, il ruolo delle immagini nei racconti di Bassani, la forma delle ombre in Caravaggio o infine la creazione – grazie a Longhi e ancor più a sua moglie Anna Banti – di un altro mito dell’arte italiana, quello di Artemisia Gentileschi.

insegna Letteratura italiana moderna e contemporanea nell’Università di Bologna. Con il Mulino ha pubblicato anche "Leopardi" (2008) e "Esposizioni. Pasolini, Foucault e l’esercizio della verità" (2017).