Innovatori sociali

La sindrome di Prometeo nell'Italia che cambia
Economia collaborativa e digitale, economia green, impresa sociale, cooperative di comunità, nuove manifatture: queste le nuove forme di riarticolazione del tessuto sociale e produttivo emerse dalla crisi del 2008. Agenti del cambiamento sono giovani-adulti ormai esperti nell’uso delle tecnologie informatiche e comunicative, per i quali i valori civici, la fiducia e il capitale culturale rappresentano dimensioni qualificanti. Il libro tratteggia un accurato panorama degli «innovatori sociali» in Italia: presenti in tutte le regioni, con esperienze professionali trasversali al settore profit e non profit, ambiscono a coniugare l’impatto economico con la sostenibilità ambientale e la responsabilità verso il territorio e la società, interrogando in modo non convenzionale la politica e l’azione pubblica.
Postfazione di Cristina Tajani, assessore alle Politiche del Lavoro del Comune di Milano.

è professore associato di Sociologia economica presso il Dipartimento CPS dell’Università di Torino ed è affiliate presso il Collegio Carlo Alberto (Torino). Tra i suoi libri "Mercati, reti sociali, istituzioni" (con N. Negri, Il Mulino, 2008), "Il capitale quotidiano. Manifesto per un’economia fondamentale" (con J. Dagnes e A. Salento, Donzelli, 2016) e "Fondamenti di sociologia economica" (con I. Pais, Egea, 2017).

– borsista di ricerca presso il Dipartimento CPS dell’Università di Torino – si occupa di analisi dei dati applicata ai valori e delle nuove pratiche di lavoro abilitate dalle tecnologie mobili. Ha curato i "Rapporti focalizzati" per il 2008 e il 2009-2010 dell’"Osservatorio del Nord Ovest" pubblicati da Carocci (2009; 2010).

Pubblicazione online: 2019
Isbn edizione digitale: 978-88-15-35087-9
DOI: 10.978.8815/350879


Pubblicazione a stampa: 2019
Isbn edizione a stampa: 978-88-15-28027-5
Collana: Studi e Ricerche
Pagine: 224