Immigrazione irregolare e welfare invisibile

Il lavoro di cura attraverso le frontiere
Benché avversata da politiche di contrasto sempre più decise, l’immigrazione irregolare ha continuato a riprodursi e ha richiesto ripetute misure di regolarizzazione. Ad alimentarla prima di tutto sono le famiglie, specialmente quelle impegnate nell’assistenza ai congiunti anziani. Non è possibile, infatti, tenere insieme la chiusura all’immigrazione e l’attribuzione alla famiglia dei principali compiti di cura delle persone. Così, nell’ambito familiare, i temuti immigrati irregolari diventano meritevoli assistenti a domicilio degli anziani. Il volume esplora risorse e pratiche di questa difficile esistenza precaria, al di fuori di ogni stereotipo che dipinge gli irregolari alternativamente come malfattori o vittime.

è docente di Sociologia delle migrazioni nell’Università di Milano. È responsabile scientifico del Centro studi Medì - Migrazioni nel Mediterraneo di Genova, dirige la rivista "Mondi migranti" e la Scuola estiva di Sociologia delle migrazioni. Il suo libro più recente per il Mulino è "Sociologia delle migrazioni" (20112).

Pubblicazione online: 2013
Isbn edizione digitale: 978-88-15-31658-5
DOI: 10.978.8815/316585


Pubblicazione a stampa: 2013
Isbn edizione a stampa: 978-88-15-24667-7
Collana: Studi e Ricerche
Pagine: 296