Far capitare le cose

Pensiero e azione nelle neuroscienze cognitive
Mediante l’azione possiamo contribuire a indirizzare l’esito del nostro comportamento. Tale competenza, definita come agentività (o agency), è alla base della facoltà di far accadere le cose e di intervenire sulla realtà. Il tema dell’autoefficacia personale riscopre oggi nuove frontiere di analisi, alla luce del contributo offerto dalle neuroscienze cognitive. Gli individui sono così definiti come agenti attivi e non semplici spettatori di meccanismi cerebrali organizzati e indotti da eventi esterni. Come funziona la relazione tra pensiero, volontà e azione? Questo volume esplora il mondo dell’autoefficacia e i meccanismi neurocognitivi che rendono possibile la rappresentazione soggettiva di sé come agente.

insegna Neuropsicologia e Neuroscienze cognitive e Neuropsicologia della comunicazione nella Facoltà di Psicologia dell’Università Cattolica di Milano. Con il Mulino ha pubblicato «Mente ed economia» (curato con A. Antonietti, 2008).

Pubblicazione online: 2012
Isbn edizione digitale: 978-88-15-30951-8
DOI: 10.978.8815/309518


Pubblicazione a stampa: 2012
Isbn edizione a stampa: 978-88-15-23748-4
Collana: Studi e Ricerche
Pagine: 232