Valutare la ricerca scientifica

Uso e abuso degli indicatori bibliometrici
In Italia, fra i temi ricorrenti nell'odierna discussione pubblica su università e ricerca, grande rilievo assume quello della valutazione del merito, a sua volta strettamente connesso a quello della scarsità delle risorse. Ma come si valuta la ricerca scientifica? Sulla base del presupposto che tale valutazione può essere condotta attraverso indicatori in grado di approssimare qualità e impatto della ricerca, si sono affermati strumenti quantitativi di analisi della performance dei ricercatori e delle istituzioni di ricerca, con l'obiettivo di mettere fine all'arbitrio delle decisioni accademiche e di sostituire meccanismi farraginosi con semplici ranking riconosciuti a livello internazionale. Questo volume fornisce un'analisi sintetica dei principali indicatori utilizzati nella valutazione della ricerca, con un'attenzione particolare per quelli bibliometrici, illustrandone modalità di costruzione, significato, interpretazione, applicabilità, ma anche limiti e abusi.

è professore ordinario di Economia politica nell'Università di Siena.

Pubblicazione online: 2010
Isbn edizione digitale: 978-88-15-22936-6
DOI: 10.978.8815/229366


Pubblicazione a stampa: 2010
Isbn edizione a stampa: 978-88-15-13760-9
Collana: Il Mulino/Ricerca
Pagine: 232