Spazi politici

L'età moderna e l'età globale
Le profonde trasformazioni che caratterizzano il mondo contemporaneo e lo spaesamento che esse suscitano ci impongono la ridefinizione di concetti e paradigmi politici consolidati, e soprattutto ci obbligano a ripensare il rapporto fra spazio e politica quale si è depositato nella tradizione del pensiero politico. Il volume rintraccia le categorie e i concetti che danno conto del modo con cui la politica conquista, organizza e gestisce concretamente lo spazio geografico, esplorando in un’originale visione d’insieme l’età moderna e contemporanea, e in particolare il Novecento nelle sue grandi svolte storico‑politiche: le due guerre mondiali, i totalitarismi, la guerra fredda, la fine del comunismo. Ricostruire i presupposti spaziali dei principali concetti politici – Impero, Stato, Cittadinanza, Democrazia, Diritti umani – ci consente anche di comprendere meglio i mutamenti che stiamo vivendo, e ci fornisce una chiave per interpretare le grandi sfide politiche che oggi si pongono prepotentemente di fronte a noi: la crisi dello Stato, il multiculturalismo, la questione della cittadinanza, dei flussi di persone, di capitali e di merci, il nuovo rapporto fra locale e globale, le trasformazioni della guerra, il significato dell’Unione Europea.

Carlo Galli insegna Storia delle dottrine politiche presso la Facoltà di Scienze politiche di Bologna, sede di Forlì. Tra le sue opere ricordiamo: «Genealogia della politica: Carl Schmitt e la crisi del pensiero politico moderno» (Il Mulino, 1996); insieme a Roberto Esposito, ha inoltre curato «Enciclopedia del pensiero politico. Autori, concetti, dottrine» (Laterza, 2000).

Pubblicazione online: 2010
Isbn edizione digitale: 978-88-15-22815-4
DOI: 10.978.8815/228154


Pubblicazione a stampa: 2001
Isbn edizione a stampa: 978-88-15-08120-9
Collana: Saggi
Pagine: 184