Il dio ibrido
Dioniso e le "Baccanti" nel Novecento

Editore: Il Mulino

Pubblicazione online: 2009
Isbn edizione digitale: 9788815140340
DOI: 10.978.8815/140340

Pubblicazione a stampa: 2006
Isbn edizione a stampa: 9788815113177
Collana: Il Mulino/Ricerca
Pagine: 288

  • Trova nel catalogo di Worldcat
Dioniso è il dio della mitologia greca che ha avuto più successo nella cultura contemporanea, soprattutto nel Novecento, dopo che Nietzsche, nella “Nascita della tragedia”, ha creato la categoria estetica del dionisiaco. Soprattutto dopo il Sessantotto (che si richiamava al mito greco tramite Marcuse), ritroviamo Dioniso in diverse esperienze dell’immaginario contemporaneo, dal neopaganesimo alle teorie sull’identità sessuale, dalle performance del post-human alla sperimentazione teatrale. Quest’ultima si è misurata più volte con le “Baccanti”, l’unica tragedia greca in cui compare il dio del teatro. A lungo trascurata per la sua sfuggente ambiguità, questa tragedia-testamento, scritta da un Euripide in esilio, riemerge proprio nel Novecento, non solo sulla scena, ma anche nelle variazioni che dei suoi temi offrono la letteratura e il cinema, da Thomas Mann a Bataille, da Pasolini a Losey. Ripercorrendo le grandi polarità che l’incontro con Dioniso mette in crisi – umano e animale, maschile e femminile, straniero e nativo, comico e tragico – l’autore analizza le ragioni che stanno all’origine dell’enorme risonanza di Dioniso e del dionisiaco nella cultura del nostro tempo.

è professore ordinario di Critica letteraria e letterature comparate nell’Università dell’Aquila. Fra i suoi libri ricordiamo: “Il romanzo greco: polifonia ed eros” (Marsilio, 1989); “La Grecia secondo Pasolini. Mito e cinema” (1996); “L’altro e lo stesso. Teoria e storia del doppio” (1998), pubblicati dalla Nuova Italia; è inoltre autore, con F. Brioschi e C. Di Girolamo, di “Introduzione alla letteratura” (Carocci, 2003).