«Contremisce Satana»
Storia di un esorcismo nella Francia del xix secolo

In pieno positivismo fa la sua ricomparsa il diavolo, un dispositivo complesso in grado di riattivare impulsi in ambito sociale che la secolarizzazione e la scienza sembravano aver posto al riparo da superstizioni e credenze. Désirée Lejeune, indemoniata, giungeva a Parigi negli anni in cui Jean-Martin Charcot consacrava i suoi studi all’isteria. Non si incontrarono. Il suo esorcista e direttore di coscienza, del tutto assorbito nel ruolo che ricopre e che abbraccia come una missione contro le nuove teorie mediche sull’isteria, rinomina l’inte- ra esperienza della donna fissandola nel personaggio della posseduta. La vicenda, esaminata nel volume, rappresenta un osservatorio peculiare da cui indagare il processo di naturalizzazione e de-moralizzazione della malattia e la conseguente ridefinizione delle prerogative della scienza e della religione.

è dottore di ricerca in Storia dell’Europa moderna alla Sapienza Università di Roma e in Storia della Chiesa alla Pontificia Uni- versità Gregoriana. Lavora presso l’Archivio Storico della Società delle Mis- sioni Africane. Collabora al progetto gate.unigre.it dell’Archivio Storico della Pontificia Università Gregoriana. Si occupa di storia della Chiesa e me- todologia storica.

Editore: Carocci

Pubblicazione online: 2024
Isbn edizione digitale: 9788829025169
DOI: 10.978.8829/025169

Pubblicazione a stampa: 2021
Isbn edizione a stampa: 9788829004935
Collana: Studi storici Carocci
Pagine: 216

  • Trova nel catalogo di Worldcat