Proust costruttore melanconico
L'irrealizzabile progetto della Recherche

Perché Proust si ostinò a difendere la qualità architettonica della Recherche sebbene i tempi lunghi della sua stesura ne avessero deformato il progetto iniziale? Secondo l’autrice, la risposta si cela nel valore salvifico che attribuì all’architettura: scuola di disciplina, sistema morale, autentica terapia contro l’attitudine melanconica – e il suo effimero rovesciamento in esaltazione maniacale – che aveva ispirato la produzione giovanile dello scrittore, improntata ora a un compiaciuto nichilismo, ora a un’euforica e dispersiva ispirazione impressionista. Tuttavia l’esempio della cattedrale gotica, pur fornendo lo slancio inaugurale alla creazione del grande romanzo, finisce per vivere al suo interno come un ideale assediante ma irraggiungibile, alla cui forza d’attrazione si oppone un sotterraneo ma non meno potente impulso disgregante, un’ostinata fedeltà alla melanconia originaria, una resistenza della vita – personale, singolare – a sublimarsi nell’universale dell’Opera. Ed è così che nella costruzione proustiana trovano posto, qua e là, frammenti isolati, sporgenze disarmoniche, rovine, che a ben guardare determinano, assai più della solida impalcatura d’insieme, l’immensa suggestione della Recherche.
Il volume è stato realizzato con un contributo del Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere dell’Università degli Studi di Milano.

insegna Letteratura francese contemporanea e Cultura francese all’Università degli Studi di Milano. È specialista dell’opera di Proust, cui ha dedicato numerosi articoli e due monografie (L’avventura mancata. Stile in Marcel Proust, Milano 2003 e Contro il corpo. Proust e il romanzo immateriale, Milano 1997). Ha curato inoltre insieme a Mauro Carbone il volume Proust et la philosophie aujourd’hui (Pisa 2008). È membro del consiglio direttivo e del comitato di redazione della rivista italo-francese “Quaderni Proustiani”.

Editore: Carocci

Pubblicazione online: 2021
Isbn edizione digitale: 9788829006243
DOI: 10.978.8829/006243

Pubblicazione a stampa: 2016
Isbn edizione a stampa: 9788843082865
Collana: Lingue e letterature Carocci
Pagine: 208

  • Trova nel catalogo di Worldcat