Una sfida per la modernità
Europa e America nel lungo Novecento

Editore: Carocci

Pubblicazione online: 2021
Isbn edizione digitale: 9788829006007
DOI: 10.978.8829/006007

Pubblicazione a stampa: 2012
Isbn edizione a stampa: 9788843062850
Collana: Frecce
Pagine: 404

  • Trova nel catalogo di Worldcat
Nella complessa evoluzione della modernità europea, nel corso degli ultimi 120 anni, l’America ha giocato un ruolo decisivo: è questa la tesi di fondo del volume. Con la forza di tutti i loro modelli innovativi, da Buffalo Bill ad Avatar, dal fordismo a Google, da Woodrow Wilson fino a Barack Obama, gli Stati Uniti hanno costretto gli altri ad abbracciare il loro messaggio oppure a trovare le risorse politiche, economiche e culturali per costruire strade alternative verso il futuro. Il libro analizza le risposte europee alle forme più significative della sfida americana, concentrando l’attenzione sulle tre fasi in cui la potenza statunitense è stata particolarmente influente: il primo e il secondo dopoguerra e il periodo post Guerra Fredda. Oltre alla narrazione di una delle grandi vicende storiche dell’epoca contemporanea, il testo offre prospettive di riflessione che vanno ben oltre i vecchi, usurati concetti di “americanizzazione” e “antiamericanismo” per ridefinire quella che viene chiamata “egemonia americana”.

insegna Storia delle relazioni internazionali all’Università di Bologna e Storia dei rapporti USA-Europa al Bologna Center della Johns Hopkins University. È autore di volumi sugli Alleati in Italia durante la Seconda guerra mondiale, sul Piano Marshall, sui rapporti anglo-americani e più in generale sulla funzione della potenza americana nella storia contemporanea europea. Si è interessato anche all’utilizzo del cinema come fonte per la storia, curando The Movies as History. Visions of the Twentieth Century (London 2001).