Il welfare aziendale

Una prospettiva giuridica

indice

Capitolo primo
Capitolo secondo
8.1. La remunerazione e le sue componenti: la sfida di cogliere le relazioni reciproche e i legami con le pratiche HR - 8.2. Una nuova stagione per le relazioni industriali? Cresce il ruolo del sindacato come «co-designer» delle politiche di remunerazione - 8.3. Welfare aziendale e politiche di merito: prima la persona e poi la performance - 8.4. Equità, «flexible benefits» e «welfarizzazione» dei premi di risultato e produttività - 8.5. Welfare aziendale: nuova frontiera per disegnare efficaci politiche di «attraction», «retention» ed «engagement» delle persone
Capitolo terzo
3.1. Effetti dei piani di welfare sulla platea dei lavoratori - 3.2. L’ipotesi della sostituibilità della retribuzione con i piani di welfare
Capitolo quarto
Capitolo quinto
Capitolo sesto
1.1. Le tre accezioni di welfare - 1.2. Il welfare aziendale nei recenti provvedimenti normativi: cenni
2.1. Breve excursus - 2.2. Il campo di applicazione oggettivo - 2.3. Le spese di istruzione per il lavoratore o per i suoi familiari - 2.4. Le spese per assistenza agli anziani e ai soggetti non autosufficienti - 2.5. Contributi e premi per prestazioni aventi a oggetto il rischio di non autosufficienza - 2.6. Gli abbonamenti per il trasporto pubblico
6.1. Inquadramento - 6.2. La contribuzione alla previdenza complementare e alle casse sanitarie
Capitolo settimo
3.1. Le fonti di disciplina - 3.2. La variabilità del premio - 3.3. Gli obiettivi e la condizione di incrementalità - 3.4. Misurabilità e verificabilità degli incrementi di produttività, redditività, qualità, efficienza e innovazione
Capitolo ottavo
3.1. Il medium del contratto collettivo decentrato e la volontarietà del coinvolgimento paritetico dei lavoratori - 3.2. Il piano di partecipazione, l’esemplificazione e la via negatoria: alla ricerca della partecipazione organizzativa
Capitolo nono
Capitolo decimo