La forza dei sentimenti

Anarchici e socialisti in Italia (1870-1900)
Il libro descrive le passioni e i sentimenti che animavano i rivoluzionari italiani di fine Ottocento. Carteggi e diari, autobiografie e memorie illuminano le ragioni di una militanza che – tra esaltazioni e disillusioni, arresti e clandestinità, esilio e manicomi – assunse per molti i tratti di una vera e propria scommessa esistenziale. La scelta della rivoluzione fu generata da uno slancio etico verso un mondo più giusto, prima che da una coerente adesione ideologica a una dottrina politica. Dinamiche familiari, letture, relazioni di amore e di amicizia, odi personali e politici compongono un mosaico di storie individuali da cui emerge il lessico insieme politico e sentimentale del sovversivismo italiano di fine secolo.

insegna Storia contemporanea nella Sapienza - Università di Roma. Con il Mulino ha pubblicato "La Rinascente" (2005) e "Di padre in figlio. La generazione del 1915" (2013).

Pubblicazione online: 2019
Isbn edizione digitale: 978-88-15-35607-9
DOI: 10.978.8815/356079


Pubblicazione a stampa: 2019
Isbn edizione a stampa: 978-88-15-28430-3
Collana: Studi e Ricerche
Pagine: 272