La parola e la spada

Violenza e linguaggio attraverso l'Iliade
Il linguaggio è un’alternativa alla violenza o un suo strumento? Mettendo in discussione la separazione tra violenza verbale e violenza fisica, il libro indaga il rapporto che lega linguaggio, violenza e natura umana, nel contesto della madre di tutte le guerre, quella combattuta a Troia e raccontata nell’Iliade, dove armi e parole concorrono a realizzare una violenza distruttiva. Le vicende narrate nel poema omerico diventano allora casi esemplari, utili a illustrare il potere che il linguaggio ha di inaugurare nuove forme di violenza esclusive dell’animale che parla.

è professore ordinario di Filosofia e teoria dei linguaggi all’Università di Palermo. Fra i suoi libri ricordiamo "La Retorica di Aristotele. Introduzione alla lettura" (Carocci, 2008); ha inoltre curato "Verità verosimili. L’eikos nel pensiero greco" (con S. Di Piazza, Mimesis, 2012).

Pubblicazione online: 2019
Isbn edizione digitale: 978-88-15-35391-7
DOI: 10.978.8815/353917


Pubblicazione a stampa: 2019
Isbn edizione a stampa: 978-88-15-28429-7
Collana: Studi e Ricerche
Pagine: 240