Resistere alla crisi

I percorsi dell'azione sociale diretta
L’Italia della crisi appare schiacciata tra apatia e risentimento. Ma guardando in basso, si possono vedere forme di resistenza che raramente emergono sulla scena pubblica, e che riattualizzano l’azione collettiva, riposizionando l’individuo nella sfera pubblica. Dalle grandi organizzazioni sociali alle occupazioni abitative, dai gruppi di acquisto solidale alle fabbriche recuperate, passando per i circoli culturali e le sperimentazioni di welfare dal basso, gli autori indagano i percorsi seguiti dai diversi attori collettivi verso l’azione sociale diretta, e le loro conseguenze nel produrre cambiamento nella società e nella politica.
Volume pubblicato con il contributo dei fondi ricevuti dalla Commissione europea per il progetto Livewhat con il Settimo Programma Quadro (FP7-SSH 2013.5.1-1) sotto il grant agreement n. 613237

è ricercatore presso il Dipartimento di Scienze Politico-Sociali della Scuola Normale Superiore, a Firenze, dove fa parte del centro di ricerca sui movimenti sociali Cosmos. Tra le sue pubblicazioni: "Vite di lotta armata. Storie di attivismo nella Provisional IRA" (Carocci, 2016).

è ricercatore presso il Dipartimento di Scienze Politico-Sociali della Scuola Normale Superiore, a Firenze, dove fa parte del centro di ricerca sui movimenti sociali Cosmos. Tra le sue pubblicazioni: "Social Movements, Memory and Media: Narrative in Action in the Italian and Spanish Student Movements" (Palgrave, 2018).

Pubblicazione online: 2019
Isbn edizione digitale: 978-88-15-35352-8
DOI: 10.978.8815/353528


Pubblicazione a stampa: 2019
Isbn edizione a stampa: 978-88-15-28408-2
Collana: Studi e Ricerche
Pagine: 320