Diritto penale

Una conversazione
Negli ultimi quarant’anni il diritto penale ha conosciuto profonde trasformazioni. Sempre più numerosi sono divenuti i beni protetti penalisticamente e sempre più estesi gli ambiti in cui viene richiesta una tutela penale. Si assiste a una spinta alla criminalizzazione che talvolta diventa deriva giustizialista: dai rischi legati all’ambiente alla criminalità economico-finanziaria, dalle condotte professionali (medici, ingegneri, esperti…) alle nuove forme virulente di criminalità organizzata o sistemica, ricco è lo spettro di aspettative nei confronti del sistema penale e della sua capacità d’intervento, anche a livello preventivo. Le acquisizioni delle neuroscienze poi hanno ricadute sull’idea stessa di responsabilità individuale e la pena, a gran voce reclamata dall’opinione pubblica, si rivela incerta quanto alla sua reale efficacia.

è stato professore ordinario di Diritto penale e di Criminologia nell’Università di Firenze. È condirettore di molte riviste scientifiche e ha partecipato a diverse commissioni ministeriali. È stato presidente dell’Associazione italiana dei professori di diritto penale. Tra i suoi libri dedicati alla didattica: "Corso di diritto penale" (20166) e "Lezioni di diritto penale comparato" (con M. Papa, 20153), editi da Giappichelli.

è professore ordinario di Diritto penale nell’Università Bocconi di Milano. Già direttore della rivista "Diritto penale contemporaneo", ha fatto parte di commissioni ministeriali e di gruppi di ricerca internazionali. È giudice costituzionale di nomina presidenziale.

Pubblicazione online: 2018
Isbn edizione digitale: 978-88-15-35017-6
DOI: 10.978.8815/350176


Pubblicazione a stampa: 2018
Isbn edizione a stampa: 978-88-15-27275-1
Collana: Il diritto che cambia
Pagine: 240