Gli insegnanti nella scuola italiana

Ricerche e prospettive di intervento
Oltre a rappresentare una categoria occupazionale molto ampia, gli insegnanti sono la principale risorsa di ogni sistema educativo. Non sorprende quindi che la ricerca sull’istruzione abbia messo a fuoco la loro efficacia quale tema centrale su cui concentrare analisi e proposte di intervento. Al contempo, chi insegna viene caricato di compiti sempre più ampi ed eterogenei, gode di un riconoscimento economico e sociale limitato e corre il rischio di essere indicato come responsabile ultimo di problemi su cui può agire solo in parte. Il volume prende in esame le caratteristiche degli insegnanti italiani, descrivendoli sulla base delle ricerche e statistiche esistenti e mettendo a fuoco le opportunità e i vincoli per chi vuole accrescere l’efficacia del corpo docente. Si passano quindi in rassegna le leve politiche impiegate a tale scopo, ripercorrendo quanto già fatto in passato in Italia e illustrando le potenzialità di interventi futuri. Un testo utile per scienziati della formazione, studiosi di politiche pubbliche, sociologi ed economisti dell’educazione.

– sociologo e valutatore – insegna Politiche per il capitale umano e Metodologie per la valutazione delle politiche all’Università Cattolica di Milano. È autore di numerosi saggi sulle disuguaglianze educative, la transizione istruzione-lavoro e la valutazione controfattuale di interventi in ambito scolastico. Per il Mulino ha curato, assieme ad Alessandro Cavalli, il volume “Gli insegnanti italiani: come cambia il modo di fare scuola” (2010).

Pubblicazione online: 2018
Isbn edizione digitale: 978-88-15-33960-7
DOI: 10.978.8815/339607


Pubblicazione a stampa: 2018
Isbn edizione a stampa: 978-88-15-27549-3
Collana: Percorsi
Pagine: 256