Diritto amministrativo

Una conversazione
Negli ultimi trenta anni, il diritto amministrativo è profondamente cambiato. I confini con le altre discipline sono divenuti porosi, gli istituti e gli strumenti si sono moltiplicati e differenziati, il modo di agire delle amministrazioni si è adattato al mutare dei tempi, i paradigmi concettuali hanno subito molte nuove evoluzioni. Questo volume fornisce un aggiornamento sui progressi del diritto amministrativo e fa ordine nello stato delle conoscenze attingendo alla esperienza dei due protagonisti, testimoni privilegiati ad un tempo della tradizione giuridica e della stagione delle riforme.

è professore emerito nella Scuola Normale Superiore e giudice della Corte costituzionale. Tra i suoi libri con il Mulino: "Lo Stato fascista" (2010), "L’Italia: una società senza Stato?" (2011), "Lo Stato e il suo diritto" (con P. Schiera e A. von Bogdandy, 2013), "Chi governa il mondo?" (2013) e "Governare gli italiani. Storia dello Stato" (2014).

è professore ordinario di Diritto amministrativo nel Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Roma Tre. Con il Mulino ha pubblicato "Il governo delle differenze" (2006) e "Diritto amministrativo progredito" (20132). Ha inoltre curato "Welfare e federalismo" (2005) e "Il sistema amministrativo italiano" (2009). È presidente dell’Istituto di ricerche sulla pubblica amministrazione (IRPA).

Pubblicazione online: 2018
Isbn edizione digitale: 978-88-15-33869-3
DOI: 10.978.8815/338693


Pubblicazione a stampa: 2014
Isbn edizione a stampa: 978-88-15-25281-4
Collana: Fuori collana
Pagine: 160