Chi governa il mondo?

Chi governa la globalizzazione e quanto è democratica? Qual è il ruolo degli Stati?
Gli Stati sono ancora i protagonisti della scena mondiale? Oppure sono ormai sostituiti dalle migliaia di organizzazioni internazionali nate negli ultimi anni? Se gli Stati si indeboliscono, cosa accade alla democrazia che in essi si è sviluppata? Qual è la sorte del diritto, che siamo abituati a ricondurre all’idea di Stato-nazione? L’autore cerca, per queste domande, risposte che tengano conto dell’odierna fase di passaggio, in cui l’erosione della sovranità si accompagna con il controllo degli Stati sui regimi regolatori ultrastatali, l’affermazione di standard globali con il potere ultimo di applicarli rimasto nelle mani dei governi nazionali, lo sviluppo di norme e procedure internazionali con il crescente ruolo delle amministrazioni statali e del loro diritto.

è professore emerito nella Scuola Normale Superiore e giudice della Corte costituzionale. Tra le sue pubblicazioni con il Mulino: "Lo Stato fascista" (2010), "L’Italia: una società senza Stato?" (2011) e "Lo Stato e il suo diritto" (con P. Schiera e A. von Bogdandy, 2013).

Pubblicazione online: 2013
Isbn edizione digitale: 978-88-15-31373-7
DOI: 10.978.8815/313737


Pubblicazione a stampa: 2013
Isbn edizione a stampa: 978-88-15-24729-2
Collana: Saggi
Pagine: 144