Belgio

Cuore geografico dell’Europa, il Belgio rappresenta un vivace laboratorio di sperimentazione costituzionale, dove si coniugano, in una complessa formula federale, decentramento, unità e multinazionalismo. Stretto fra tensioni etno-linguistiche e instabilità politica, causa di periodici stalli istituzionali, il Belgio ha saputo fare della logica del compromesso il proprio motore propulsivo. Dalla Costituzione del 1831 ad oggi i risultati istituzionali cui il paese è pervenuto mostrano la vitalità di un ordinamento in cui il principio della tutela linguistica appare, infine, la chiave per comprenderne appieno l’articolata struttura.

insegna Diritto pubblico e governo delle differenze presso l’Università degli Studi di Torino. Tra le sue pubblicazioni: «Il federalismo disaggregativo. Un percorso costituzionale negli Stati multinazionali» (Giuffrè, 2010).

Pubblicazione online: 2012
Isbn edizione digitale: 978-88-15-31050-7
DOI: 10.978.8815/310507


Pubblicazione a stampa: 2013
Isbn edizione a stampa: 978-88-15-24157-3
Collana: Si governano così
Pagine: 200