Storia moderna o genesi della modernità?

"Soltanto in Occidente si sviluppano la scienza del­lo Stato e dell’amministrazione, la politica come patto costituzionale e come tecniche di rappresentanza, l’impresa capitalistica, la gestione razionale del lavoro: non nei secoli che hanno seguito la scoperta dell’America ma in un arco che partendo dall’antichità classica ha il suo epicentro tra il cosiddetto medioevo e l’età moderna. Questa è l’eredità dell’uomo occidentale che ora viene messa in discus­sione nell’età della globalizzazione".

è professore emerito dell’U­ni­versità di Bologna e presidente della Giunta centrale per gli studi storici. Tra i suoi libri per il Mulino: "Il sacramento del potere" (1992), "Una storia della giustizia" (2000), "Il sovrano pontefice" (2006), "Set­timo non rubare" (2009).

Pubblicazione online: 2012
Isbn edizione digitale: 978-88-15-30993-8
DOI: 10.978.8815/309938


Pubblicazione a stampa: 2012
Isbn edizione a stampa: 978-88-15-23832-0
Collana: Forum
Pagine: 240