Chiesa e diritti umani

Legge naturale e modernità politica dalla Rivoluzione francese ai nostri giorni
La chiesa cattolica sembra essere oggi l’istituzione planetaria che con più forza esige il rispetto dei diritti umani. Un ruolo che le viene riconosciuto soprattutto nel momento in cui si invoca una legittimazione morale per promuovere interventi bellici laddove si verificano violazioni dei diritti umani; al contempo se ne critica l’arretratezza quando si richiama agli stessi principi nel rifiutare le richieste di autodeterminazione dei singoli in campo matrimoniale, bio-genetico o sessuale. Il volume illustra le ragioni storiche di queste contraddizioni e il tormentato cammino che ha portato il cattolicesimo dalla radicale contrapposizione alla Dichiarazione dei diritti dell’uomo del 1789 alla cauta accettazione della Dichiarazione universale delle Nazioni Unite del 1948, fino al contrastato ritorno al primato della legge naturale con Giovanni Paolo II e Benedetto XVI.

insegna Storia contemporanea alla Scuola Normale Superiore di Pisa. Con il Mulino ha pubblicato: «Episcopato e società tra Leone XIII e Pio X» (2000) e «Chiesa, pace e guerra nel Novecento» (2008).

Pubblicazione online: 2012
Isbn edizione digitale: 978-88-15-30961-7
DOI: 10.978.8815/309617


Pubblicazione a stampa: 2012
Isbn edizione a stampa: 978-88-15-23821-4
Collana: Saggi
Pagine: 280