La Gran Bretagna di Cameron

Per la prima volta dal 1974, le elezioni britanniche del 2010 non hanno visto alcun partito conquistare la maggioranza assoluta dei seggi al parlamento di Westminster. La nascita del governo conservatore-liberale guidato da David Cameron ha costituito una novità assoluta per il paese. Il responso elettorale e le sue conseguenze per il sistema politico del Regno Unito sono qui sottoposti al vaglio di qualificati esperti. Quali effetti hanno avuto le elezioni sul sistema partitico? Quali sono le maggiori sfide politiche che il nuovo governo si trova ad affrontare? Spaziando attraverso alcuni fondamentali settori di policy - politiche sociali, immigrazione, finanza, devolution, politica europea e internazionale - il volume illustra l'eredità lasciata da tredici anni di governo targato New Labour e il passaggio al nuovo programma di "Big Society" lanciato da Cameron.
Una pubblicazione dell’Istituto Cattaneo

è professore associato di Scienza politica nell'Università di Bologna. Tra le sue ultime pubblicazioni ricordiamo "Elections, Electoral Systems and Volatile Voters" (con A. Pappalardo, Palgrave Macmillan, 2009) e "Politica in Italia. Edizione 2009" (curato con A. Cento Bull, Il Mulino).

è Senior Lecturer in Comparative Politics nella London School of Economics and Political Science. È autore di "Party Formation and Democratic Transition in Spain" (Macmillan, 1999).

Pubblicazione online: 2011
Isbn edizione digitale: 978-88-15-30434-6
DOI: 10.978.8815/304346


Pubblicazione a stampa: 2011
Isbn edizione a stampa: 978-88-15-23351-6
Collana: Ricerche e studi dell'Istituto Carlo Cattaneo
Pagine: 248