La finanza pubblica italiana. Rapporto 2003

In questa edizione il Rapporto analizza l'andamento delle politiche pubbliche nel campo della tassazione, del welfare, della sanità, del federalismo e dei servizi di pubblica utilità durante il 2002. Stretto tra una congiuntura sfavorevole e la promessa di riduzioni delle imposte, il governo si è dibattuto - come emerge dai contributi raccolti nella prima parte - tra una sostanziale inerzia nello sforzo riformista e la moltiplicazione di misure unicamente volte a contenere il peggioramento dei conti pubblici. Nella seconda parte sono affrontate due tematiche di particolare rilevanza: la prima riguarda il finanziamento, con la partecipazione dei privati, delle infrastrutture produttive e la gestione e alienazione del patrimonio immobiliare; la seconda riguarda la long term care, un ambito che vede il nostro paese in ritardo nel fornire adeguate strategie di risposta alla crescita della domanda di servizi assistenziali a favore di persone non autosufficienti.

insegna Scienza delle Finanze nella Facoltà di Economia di Modena e Reggio Emilia. È fra i fondatori del Centro di Analisi delle Politiche Pubbliche. Con il Mulino ha pubblicato "Imposte e mercati finanziari" (1989) e "I tributi nell'economia italiana" (IV ed. 2003, con P. Bosi).

insegna Scienza delle finanze nella Facoltà di Economia dell'Università di Bologna e presso l'Università Bocconi di Milano. Con il Mulino ha pubblicato "La finanza pubblica italiana - 2001" (a cura di, 2001, con L. Bernardi).

Pubblicazione online: 2010
Isbn edizione digitale: 978-88-15-14435-5
DOI: 10.978.8815/144355


Pubblicazione a stampa: 2003
Isbn edizione a stampa: 978-88-15-09376-9
Collana: Studi e Ricerche
Pagine: 336