Inconscio

Fra ricerca clinica e scienza cognitiva
Quella dell'inconscio rappresenta una delle scoperte più straordinarie avvenute nell'epoca moderna: la nascita della prospettiva psicodinamica della mente ha rivoluzionato la concezione tradizionale dell'uomo, inteso come essere pensante, presente a se stesso e dotato di libero arbitrio. Oggi l'inconscio viene studiato con metodologie e tecniche scientifiche sempre più sofisticate, inserite in quadri teorici sempre più distanti dalle originarie suggestioni di matrice psicodinamica, in relazione ad ambiti disciplinari differenti (dalla filosofia della mente alla psicologia cognitiva, dalla psicologia clinica alla psicologia sociale e alla neurobiologia). Questo volume, partendo dalle diverse tradizioni di ricerca e dai loro riflessi applicativi, fornisce una approfondita analisi del concetto di inconscio: le definizioni di coscienza e inconscio; gli studi sperimentali; le concezioni cliniche dell'inconscio; la classificazione dei processi mentali impliciti; il ruolo delle interazioni fra coscienza e inconscio, e fra emozione e cognizione, nella determinazione del comportamento normale e patologico.

svolge attività di ricerca nel Dipartimento di Psicologia dinamica e clinica della Facoltà di Psicologia 1 dell'Università "La Sapienza" di Roma. Tra le sue pubblicazioni: "Processi mentali impliciti. Teorie, metodi ed orientamenti di ricerca" (con A. Gennaro, Angeli, 2003).

insegna Psicologia della personalità nella Facoltà di Psicologia 1 dell'Università "La Sapienza" di Roma. E' inoltre docente presso la II Scuola di specializzazione in Psicologia clinica della stessa Università. Con il Mulino ha fra l'altro pubblicato "Introduzione alla psicologia della personalità" (2004).

Pubblicazione online: 2009
Isbn edizione digitale: 978-88-15-14194-1
DOI: 10.978.8815/141941


Pubblicazione a stampa: 2005
Isbn edizione a stampa: 978-88-15-10286-7
Collana: Il Mulino/Ricerca
Pagine: 352